fbpx

Confronta gli annunci

Manovra finanziaria 2019: i possibili tagli alle detrazioni, dai mutui alle spese sanitarie

Reddito di cittadinanza, quota 100 per le pensioni e flat tax sono le tre misure che il governo vuole inserire nella prossima manovra finanziaria 2019. Ma a pagarne il costo sarà, con ogni probabilità, il complesso sistema di detrazioni, da quelle per le spese mediche ai mutui, passando per le spese universitarie per i figli.

Il governo avrà tempo fino al 20 ottobre per mettere a punto le diverse misure della Legge di Bilancio 2019, ma entro la fine della settimana dovrà essere approvato il Def che contiene gli obiettivi programmatici di deficit e debito pubblico per i prossimi anni. E questo è il primo scoglio su cui sembra si sia scontrando il governo. Con Di Maio pronto a fissare il limite del 2, o del 2,4% per portare a casa il reddito e la pensione di cittadinanza, e il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, invece, saldissimo sul limite massimo dell’1,6%, che comporterebbe in ogni caso 12 miliardi di flessibilità.

Manovra finanziaria 2019, le ultime news

Quattro sono i punti su cui, con ogni probabilità, sarà articolata la nuova manovra finanziaria. Che riguarderanno, la quota 100 per le pensioni, il reddito di cittadinanza, la sterilizzazione dell’aumento dell’Iva e il taglio delle detrazioni fiscali.

  • Quota 100 nella legge di stabilità  – Nella manovra arriva la quota 100, ovvero la somma di età e anzianità contributiva che permetterà di andare in pensione. Con dei correttivi, però, con un minimo di 36 anni di contributi e un taglio fino all’1,5% dell’assegno previdenziale.
  • sterilizzazione aumento iva e flax tax nel 2019 – la legge di bilancio sterilizzerà l’aumento dell’Iva previsto per il prossimo anno. Novità sarà anche l’introduzione di una flat tax del 15% per le partite Iva con ricavi fino a 65mila euro. Al vaglio anche possibili sgravi Ires.
  • reddito cittadinanza 2019 – Previsto da marzo 2019, ma già da gennaio dovrebbe scattare l’adeguamento delle pensioni a 780 euro. L’accesso al nuovo meccanismo potrebbe basarsi sull’Isee e non solo sul reddito.
  • tagli detrazioni fiscali nel 2019 – la nota dolente della prossima manovra sarà il probabile taglio alle detrazioni fiscali. Secondo i rumors, saranno gli sgravi del 19% sugli interessi sui mutui prima casa, le spese mediche, spese universitarie. Il bonus potrebbe scendere fino al 17%, con un risparmio di quasi un milairdo. Ma al vaglio c’è anche il possibile aumento della franchigia (sulle spese sanitarie, oggi, ad esempio è fissata a 129 euro.
  • Pace fiscale – per quanto riguarda la pace fiscale, ancora aperto il dibattito sul tetto sotto il quale consentire di sanare la propria posizione e sullo sconto applicabile. Se la proposta iniziale era pari a un condono di 100mila euro, si potrebbe arrivare fino a 100mila euro.
img

Domus Aurea

Post correlati

Detrazioni casa, nella legge di bilancio 2019 proroga triennale ed ecoprestito

Se la sforbiciata al complesso sistema delle detrazioni fiscali potrebbe interessare anche gli...

Continua a leggere
di Domus Aurea

Partecipa alla discussione